Suzuki Swift Sport Hybrid R1, il debutto al 33° RallyLana

Suzuki Swift Sport Hybrid R1, il debutto al 33° RallyLana
di italpress

TORINO (ITALPRESS) - Il rallyLana ha scritto la storia del rally in Italia e la sua 33a edizione, che si e' svolta nel Biellese sabato 11 e domenica 12 luglio, ha segnato un altro momento memorabile per il motorismo sportivo. La gara, infatti, ha visto al via la nuova Suzuki Swift Sport Hybrid R1, la prima auto ibrida a prendere parte ad una competizione rallistica. La vettura e' affidata a Simone Goldoni, il giovane pilota valdostano che nel 2019 si e' aggiudicato il girone CiWRC della Suzuki Rally Cup, nonche' la Coppa R1 nazionale. Nel corso della stagione, Goldoni prendera' parte al Campionato Italiano Rally che ripartira' quest'anno con il Rally di Roma Capitale (24-26 luglio). Queste gare saranno l'occasione per sviluppare in un ambiente estremamente competitivo gli step di sviluppo della vettura. L'obiettivo e' duplice: portare al massimo livello di performance la vettura e definire al tempo stesso il set di contenuti ed elaborazioni piu' equilibrato per le future vetture dei Trofei monomarca Suzuki. Questo consentira' di ottenere, per i partecipanti che vorranno confrontarsi con le Swift Sport Hybrid, il massimo in termini di prestazioni e di divertimento con un budget accessibile, senza rinunciare alla proverbiale affidabilita' Suzuki. Al rallyLana Suzuki Swift Sport Hybrid R1 ha dunque gareggiato nella classe Sport Hybrid, la nuova categoria creata ad hoc dalla Federazione nell'ambito della R1 nazionale. Si e' messa subito in luce classificandosi come prima tra le Swift in gara, risultato molto promettente per una vettura che ha appena iniziato a affrontare il suo sviluppo. Di tutto rispetto anche la prestazione in classifica generale che l'ha vista chiudere al 45° posto su 123 partenti. Dopo aver stravolto le regole del segmento delle hot hatch, Swift Sport Hybrid si appresta ora a lasciare un'impronta indelebile anche nel motorsport, dimostrando come un'auto ibrida e rispettosa dell'ambiente possa essere espressione della piu' autentica sportivita' e fornire prestazioni di assoluto rilievo. Rappresenta una base ideale per sviluppare un'auto da corsa competitiva, grazie ad una tecnologia ibrida geniale e a rapporti peso/potenza e peso/coppia eccezionali. Basti pensare che in configurazione di serie il peso in ordine di marcia dell'auto e' di soli 1.025 kg, un presupposto chiave per un'agilita' e una precisione di guida straordinarie. Il nuovo motore 1.4 Boosterjet K14D da 129 cv e' sovralimentato da un turbo a bassa inerzia con intercooler ed e' dotato di una raffinata doppia fasatura variabile delle valvole di aspirazione (VVT) a comando elettrico. A questo quattro cilindri e' associata la tecnologia Suzuki Hybrid, che e' composto da tre elementi. Il primo e' l'Integrated Starter Generator (ISG), 48V, che fa da alternatore, motore elettrico e motorino di avviamento. Il secondo e' un pacco di batterie agli ioni di litio da 48V sistemato sotto il sedile del passeggero anteriore e che si ricarica automaticamente durante i rallentamenti, senza bisogno di interventi esterni. Il terzo e' un convertitore che trasforma la tensione da 48V a 12V per alimentare i vari servizi di bordo. Il sistema Suzuki Hybrid garantisce un forte aumento della coppia complessiva e un suo sistematico incremento nelle fasi transitorie. Il motore elettrico dispone di 13,6 cv e risponde subito all'acceleratore, senza i naturali ritardi di un comune motore termico. Con la funzione di boost di coppia, poi, irrobustisce la spinta ai bassi regimi, rendendo ogni spunto piu' brillante prima che subentri la massima spinta del turbo. Tra i 2.000 e i 3.000 giri la coppia si pone cosi' sul valore massimo, pari a ben 235 Nm, una caratteristica che soddisfa anche i piloti piu' esigenti. Massa contenuta, ingombri ridotti e l'indiscutibile efficacia degli interventi a supporto del motore termico rendono la tecnologia Suzuki Hybrid perfetta anche per un impiego agonistico. La Suzuki Swift Sport Hybrid R1 e' assemblata e messa a punto dagli specialisti di Gliese Engineering con l'idea di aggiungere un temperamento racing a una sportiva compatta nata per regalare intense emozioni nell'uso stradale. Oltre alla scocca con il pianale Heartect, la vettura da rally mantiene motore, freni e cambio a sei marce pressoche' di serie, con la trasmissione che impiega giusto un rapporto finale accorciato per una maggior prontezza nei tratti di strada ricchi di curve e saliscendi. Totalmente standard e' anche la parte elettronica, che gestisce pure il sistema ibrido a 48V. I tecnici hanno invece rivisto la taratura delle sospensioni e montato un differenziale autobloccante per rendere piu' efficace e incisiva la guida in curva. La vettura monta anche un freno a mano idraulico, che permette al pilota di velocizzare l'azione nei cambi di direzione e nelle svolte strette. Ecco, in dettaglio, l'allestimento racing della Swift Sport Hybrid R1: Roll-bar, paracoppa e attacchi sedili realizzati da Nova Alves. Sedili anatomici, volante, cinture di sicurezza a sei punti forniti da HRX. Freno a mano idraulico e altra componentistica forniti da Tecno 2. Differenziale autobloccante Quaife. Serbatoio di sicurezza Wita Team. Impianto di scarico racing realizzato da Aros. Ammortizzatori Scalenghe. Livrea realizzata da Gruppo4. L'allestimento e' completato da lubrificanti specifici e pneumatici 888RT, forniti rispettivamente da Motul e Toyo Tires, i due sponsor storici di Suzuki nel motorsport, che accompagneranno il pilota e la squadra anche in questo nuovo progetto nelle stagioni sportive 2020 e 2021. (ITALPRESS). tvi/com 13-Lug-20 15:37

 

 

Vuoi acquistare un’Auto Usata o Km Zero? Cerca tra le offerte e trova il miglior prezzo direttamente su AutoInRete!