Mobilità: risparmiare sul premio RC auto e contenere i costi

Mobilità: risparmiare sul premio RC auto e contenere i costi
TiscaliNews

La recente impennata dei prezzi di benzina e diesel, che ha addirittura indotto il nostro Governo a dare un taglio alle accise, ha fatto crescere l'esigenza di spendere bene i nostri soldi in tema di mobilità. Oltre al carburante, chiunque possieda un'automobile sa che ci sono numerose spese da sostenere fra bollo, revisione e manutenzione. Purtroppo, sui costi che comportano queste voci c'è ben poco margine di manovra: riguardo il bollo, si può ottenere una riduzione del 10-15% e solo in quelle regioni che aderiscono a iniziative come la domiciliazione bancaria. Il prezzo della revisione invece è fisso ed è pure aumentato lo scorso anno: andando all'officina di fiducia, forse avrete già scoperto che per la revisione si è passati da circa 67€ a ben 79€. Per ciò che concerne la manutenzione, è meglio non parlare nemmeno degli esborsi imprevisti che possono scaturire da quella straordinaria.

Dall'elenco di prima abbiamo volutamente omesso l'assicurazione perché, a differenza delle altre voci, permette agli automobilisti di risparmiare una cifra importante, a patto però di guardarsi intorno. Pensateci un attimo: quando bisogna rifornire la macchina di carburante, di solito si va alla pompa dove costa meno. Fra i distributori nelle vicinanze è naturale preferire quello più leggero sul portafogli. Per l'assicurazione il principio è lo stesso: ogni compagnia propone un premio con un importo differente dalle altre e non valutare queste proposte sarebbe come rifornirsi sempre alla stessa pompa di benzina, pur sapendo che in zona ce ne sono altre che potrebbero farci risparmiare un po'.

Per quanto riguarda i distributori è semplice fare un confronto fra i prezzi, basta passarci accanto e guardare i pannelli esposti. Per le assicurazioni invece? In teoria dovremmo sobbarcarci l'onere di farci fare un preventivo da ogni compagnia, il che implicherebbe ogni singola volta di riempire moduli con i nostri dati. Non c'è bisogno di specificare quanto questa procedura sia lunga e tediosa, chi ha provato lo sa e molti preferiscono evitare pur di non sprecare il proprio tempo libero, specialmente quando di tempo se ne ha poco.

A questo proposito esistono però dei siti di comparazione delle polizze RC auto (ma anche moto, autocarro), dove i dati si inseriscono una volta sola e il sistema provvede automaticamente a fare la comparazione fra le diverse compagnie.

Il confronto assicurazioni con CercAssicurazioni.it ci mostra in maniera chiara i premi proposti dalle compagnie in relazione all'assicurazione che desideriamo stipulare, così che sia semplice scegliere quella che ci fa risparmiare di più.

Ma a quanto ammonta questo risparmio? Per scoprirlo, diamo un'occhiata ai dati forniti dall'Osservatorio Assicurazioni Auto di CercAssicurazioni.it, aggiornati al mese di maggio 2022. Fra questi dati ci interessano particolarmente quelli che riguardano il premio best price, ovvero il premio che ha il prezzo più vantaggioso. Cominciamo subito il discorso con una buona notizia: negli ultimi tre anni, l'andamento del prezzo medio best price dell’assicurazione auto ha subito un vistoso calo (mentre nei due anni precedenti era in leggero rialzo). Si è passati dai 451,35€ di aprile 2019 ai 342,91€ di aprile 2022, in diminuzione del 24,03%. Questo trend,è cominciato a causa della pandemia, ma si sta confermando: rispetto a dodici mesi fa, quando il prezzo medio best price era di 366,52€, c'è stata una diminuzione del 4,82%.

Quindi una polizza best price fa pagare meno, ma fa pagare anche meglio? I dati dell'Osservatorio lasciano pochi dubbi in proposito. La comparazione fra i premi delle varie compagnie è molto vantaggiosa, con un valore medio del risparmio stimato a 328,89€. Questo risparmio è calcolato come differenza tra il premio medio RC e il premio best price. L'ammontare del valore medio non è distante dai 342,91€ del premio medio best price: praticamente, è come dire che con la comparazione si risparmia quasi la metà, in media.

Un altro dato significativo da rilevare è che la quasi totalità degli automobilisti, grazie alla comparazione, può ottenere un ritorno economico davvero importante. La maggioranza, il 61,85%, risparmia fra il 25 e il 50% sulla polizza auto. C'è poi una consistente percentuale di più fortunati, il 34,48%, che va oltre il 50% di risparmio. Solo il 3,67%, ovvero meno di una ogni 25 persone, risparmierà meno del 25%.

Le informazioni fin qui esposte non fanno altro che confermare quello che in fondo sapevamo già, ovvero che guardarsi intorno conviene e che scegliere la compagnia che offre il prezzo migliore può farci risparmiare un bel gruzzoletto.