Nuova Suzuki S-Cross 2017: prova su strada del 1.6 DDiS da 120 cavalli 4WD e allestimento Cool

Codice da incorporare:
SocialMediaMotori

Roma. E' ormai risaputo che da anni il Segmento degli SUV detengono la quota più importante del mercato automobilistico europeo e italiano. Per le Case Produttrici è diventato quasi un obbligo mantenere la produzione degli Sport Utily Vehicle al passo coi tempi sia per quel che riguarda il look esterno, e in questo gli europei sono molto esigenti, che l'innovazione tecnologica per la connessione e la sicurezza.

Suzuki si è dimostrata in perfetta linea con questo concetto che ha applicato senza mezzi termini anche al suo prestigioso SUV S-Cross, che come vedete alle mie spalle mi sta aspettando, pronto per essere testato su strada e in offroad.

Questo modello è apparso sul mercato nel 2013 riscuotendo numerosi consensi, ma grazie soprattutto al nuovo apporto estetico e tecnologico, la versione 2017 (che debuttò nell'estate 2016), si dimostra effettivamente al passo coi tempi, meritando di mantenere, anche per la sua imponenza, il suo ruolo di ammiraglia di Casa Suzuki.

Per questo nostro test drive Suzuki ci ha messo a disposizione la variante con motore 1.6 turbo diesel da 120 cavalli trazione integrale cambio automatico DCT, allestimento Cool e con l'elegante livrea Blu Capri Metallizzato, con cui abbiamo ravvivato le strade romane.



Design

Di fronte ad un'auto, prima di poggiare le mani sul volante, è naturale che il primo a raggiungerla sia sempre l'occhio che, come recita il famoso proverbio, vuole la sua parte. In questo caso l'occhio, di parte, se ne garantisce veramente una grossa, attirato anche dalla nuovissima varietà di colori tra i quali il favoloso Blu Capri Metallizato.

Osservandola frontalmente salta subito all'occhio il cofano a conchiglia con doppia nervatura, i fari a LED dal nuovo design, l'ampia mascherina frontale cromata con griglia verticale. Da una visione laterale spiccano i cerchi in lega da 17" a 5 doppie razze, silver o BiColore e i pneumatici maggiorati. Anche il posteriore è stato rinnovato allestendo nuovi gruppi ottici a LED. Elementi inediti che la contraddistinguono dalla versione precedente.



"Addomesticare" l'aspetto apparentemente "selvaggio" dei fuoristrada è un percorso che la Suzuki ha intrapreso da tantissimo tempo. Ideale sia per le scampagnate che per circolare in città. S- Cross non è un auto per il fine settimana ma una vera e propria "compagna" nella vita quotidiana.



Motore Turbo diesel 1.6 DdiS

Nel caso di questo nuovo SUV di casa Suzuki, si viene letteralmente catturati dall'armonia delle forme dalla quale traspare con orgoglio ed estrema decisione la sua anima CROSS.

Il suo animo è da vero guerriero giapponese dove batte un cuore all'insegna della potenza e affidabilità.

Sotto il cofano viene ospitato il prestigioso Turbo diesel 1.6 DdiS di ultima generazione a 4 cilindri in linea, con 4 valvole per cilindro con iniezione diretta Common Rail.

Questo propulsore adotta un turbocompressore a geometria variabile VGT che controlla il flusso dei gas di scarico in relazione al regime del motore,

ottimizzando il livello di sovralimentazione, permettendo di avere minori consumi ed emissioni di particolato più contenuti ed una maggiore coppia (320 Nm). Il propulsore è dotato, inoltre, di una "cover" isolante per ridurre le vibrazioni e la rumorosità.



Asfalto e fuoristrada

Per la nostra prova abbiamo scelto una location davvero pittoresca a un tiro di scippo da Roma; una cornice mozzafiato e ricca di curve e percorsi offro ad ideali per il nostro test. Stare al volante della S-Cross è veramente piacevole paragonabile quasi alla guida di una comoda berlina. La posizione di guida è alta e garantisce un'ampia visuale della strada; l'ergonomia dei sedili consente una comoda seduta regolabile anche in altezza.

Lo sterzo è preciso così come l'inserimento delle marce molto fluido e reattivo sia in automatico che sequenziale; l'inserimento della marcia è fulmineo sia con la leva che con i paddles qui dietro il volante. Dal punto di vista pratico risulta sicuramente molto agile per la sua categoria con un raggio di sterzata di 5,2 metri e una maneggevolezza veramente unici. Le performance ed il comfort sono dovuti sicuramente sia alla rigidità della scocca che alle sospensioni. Quelle anteriori sono le famose MacPerson mentre le posteriori montano barre di torsione. La particolare attenzione prestata alla sicurezza sia di tipo attivo che passivo fanno infine di questo SUV una vera e propria garanzia su strada.

Come detto sotto il cofano abbiamo il 1.6 turbodiesel che Sviluppa una potenza di 120 cavalli a 3750 giri; la coppia massima è di 320 Nm ed entra a 1750 giri e premendo al massimo acceleratore e inserendo tutte le marce possiamo viaggiare fino a 175 km/h.

Durante il nostro test abbiamo riscontrato consumi contenuti circa 5 l/100 km su un percorso urbano per scendere drasticamente a 4,2 l/100 km nell'extraurbano.

Come detto dimensioni importanti: l'altezza di 1 metro e 58 cm e il passo di 2 metri e 60 cm contribuiscono ad una buon comfort di guida anche nelle curve impegnativegrazie anche al peso di 1410 kg; risultato davvero interessante per SUV di queste dimensioni.

Si comporta bene anche in offroad grazie all'altezza minima da terra di 18 cm e alla trazione integrale intelligente 4WD con AllGrip che elettronicamente distribuisce la forza motrice delle ruote a seconda dell'aderenza.



Sistema Cambio

Questo propulsore che stiamo testando è abbinato alla trazione integrale 4WD ALLGRIP, ma vi ricordo che è disponibile anche solo con il sistema 2WD dotato di un cambio manuale a 6 marce.



Ma il vero fiore all'occhiello è sicuramente l'ALLGRIP, il sistema di trazione integrale 4WD Suzuki di ultima generazione. Il risultato di un'evoluzione tecnologica della trazione integrale iniziata dalla Casa Nipponica nel 1970 che garantisce una guida piacevole e sicura nelle più svariate condizioni e nel rispetto dell'ambiente mantenendo decisamente bassi anche i consumi.



Questo sistema permette di selezionare quattro modalità di guida: auto, sport, snow, lock. Il conducente così, può scegliere quella più adatta attraverso un comodo selettore posto nella consolle centrale. Grazie a queste modalità si possono raggiungere prestazioni e sicurezza veramente superlativi nelle più svariate condizioni di guida.

La modalità AUTO favorisce il risparmio di carburante in condizioni normali di guida.

La modalità SPORT è ideale per una guida brillante sui percorsi misti.

La modalità SNOW va scelta su superfici innevate o in generale con basso coefficiente d'attrito.

La modalità LOCK è progettata per garantire la massima mobilità dell'auto su neve, fango o sabbia. Permette il bloccaggio del giunto che garantisce trazione quando ci si trova di fronte ad un fondo particolarmente impegnativo.



Abbinato al motore turbo diesel DDiS si può scegliere tra il cambio manuale a 6 marce oppure come in questo caso, l'automatico a "doppia frizione" DCT (trasmissione dual clutch), sempre a 6 rapporti. Un vero esempio di altissima concezione ingegneristica. È caratterizzato da peso e dimensioni estremamente ridotti paragonabili, addirittura, a quelli di una trasmissione tradizionale. È dotato di due frizioni una per i rapporti pari e una per quelli dispari. Cambiare marcia, in questo modo, permette passaggi di rapporto fulminei ed un'eccezionale fluidità in accelerazione, grazie alla conseguente riduzione dei tempi di depressione nel turbocompressore. Inoltre il guidatore, con questo sistema, per mezzo della leva centrale oppure dei "paddles" al volante, può usufruire anche di una modalità manuale permettendogli di selezionare i rapporti in maniera autonoma.



Emmissioni CO2

L'evoluzione del motore, superiori qualità aerodinamiche e peso contenuto sono elementi che danno la possibilità di abbattere considerevolmente le emissioni di CO2. Nonostante tali performance le immissioni di CO2 risultano ampiamente contenute e tra le più basse della sua categoria, raggiungendo al massimo, nelle condizioni più impegnative i 120 g/km per scendere addirittura ai 106 g/km.



È disponibile anche nelle versioni Benzina BoosterJet 1.0 con 3 cilindri oppure 1.4 con 4 cilindri.

Ha un serbatoio che può contener fino a 47 litri di carburante.

Interni e Allestimento COOL

In quanto a capienza anche gli interni non sono da meno. Con i sui 4 metri e 300 cm di lunghezza e 1 metro e 78,5 cm di larghezza a bordo si può godere di tanto spazio; dietro si possono ospitare comodamente tre passeggeri e al vano bagagli sono stati riservati 430 litri che possono arrivare a 875 litri abbattendo lo schienale dei passeggeri posteriori.

La S-Cross con allestimento COOL affiancato a qualunque propulsore tra quelli disponibili.

In quanto a comfort si può godere di un graditissimo climatizzatore automatico biozona, o dei sedili anteriori riscaldabili e della telecamera posteriore per facilitare i parcheggi. L'allestimento COOL prevede inoltre, per versioni 4WD, il famoso selettore ALLGRIP 4 modalità, lo specchietto retrovisore ad attenuazione automatica che si autoregola indifferentemente per la guida diurna o notturna. Sempre a regolazione automatica anche i fari LED sia per quanto riguarda abbagliante-anabagliante che per autoregolazione con sensore crepuscolare. Anche i tergicristalli sono dotati di un sensore pioggia. Il tutto arricchito con l'mpianto HI-FI con Radio, presa USB, funzione Mirror Link per smartphone con display touchscreen da 7", bluetooth® e comandi al volante.



L'allestimento COOL vuole mostrare le differenze con quello EASY dal quale si distacca grazie alla più ricca dotazione in termini di tecnologia, comfort e potenza, avvicinandosi alla versione TOP che ha in più ad esempio il navigatore 3D, cerchi in lega da 17" a 5 doppie razze BiColor con pneumatici 215/55 R17, il Radar Brake Support.

Se state pensando di acquistarla con questa motorizzazione 1.6 turbodiesel con cambio automatico DCT, trazione integrale e allestimento Cool potete averla a poco più di 28.000 euro e la vernice metallizzata a 600 euro.