Triumph: la nuova Bonneville e quel de ja vu del '59

formulamotori.it -
social media motori

Firenze. Il 1959 segnò l'inizio di un periodo socio-culturale ed artistico di grande rinascita. Sex, drug and rock'n'roll - come cantava nel 1977 un altrettanto mitico Ian Dury - ma soprattutto libertà di espressione e di movimento che ha ispirato generazioni di motociclisti.

Proprio in questo contesto - e proprio nell'anno 1959 - debuttava l'iconica Triumph Bonneville, gioia e delizia di gente comune e di star. Protagonista nella vita di tutti i giorni e in quella dei film, dove gente del calibro di Steave McQueen e Bob Dylan se la "tiravano" in sella alla loro moto preferita. Facendo moda e tendenza che, a distanza di oltre mezzo secolo, ancora sopravvive tenendo il passo con i tempi. Quelli di internet e playstation, di facebook, instagram e di youtube.

Questo spirito rivive oggi in tutte le TRIUMPH Moder Classic, ciascuna con un proprio patrimonio genetico originale, uno stile iconico e caratteristiche tecniche all'avanguardia.

Formula Motori ha avuto il piacere partecipare, nella bellissima terra toscana ospiti di Christophe Couet -Country Manager di Triumph Motocycles e Alessandra Incalcaterra Marketing Menager, alla presentazione stampa della nuova gamma Bonneville. Ma, soprattutto, ha avuto la fortuna di mettersi in sella delle spettacolari Street Scrambler. Bonneville Bobber Black e Thruxton.



Street Scrambler

Saltiamo in sella della nuova Street Scrambler nella fredda mattina del primo giorno di primavera. Uscendo tra le vie di una Firenze ancora assonnata per raggiungere le strade del Chianti notiamo subito che il nuovo motore da 900cc con il nuovo telaio, le sospensioni di nuova concezione, il manubrio più ampio e i cerchi da 19" offrono una grande maneggevolezza e una giuda molto dinamica, senza per questo comprometterne lo stile Scrambler. Basata sugli stessi principi di design della Street Twin ispirati al mondo delle custom la Street Scambler ha l'inconfondibile profilo Bonneville in cui si uniscono linee pulite e finiture moderne e dove il nuovo doppio scarico presenta una splendida rifinitura in acciaio inossidabile spazzolato, vera impronta digitale della Street Scrambler.

La sensazione che da' è quella di una moto affidabile, sicura e semplice da guidare. E' come se la guidassimo da tanto tempo mentre è semplicemente la prima volta. Leggera e precisa, si fa apprezzare soprattutto in curva, sia in entrata sia in uscita; è facilmente domabile nelle pieghe, scattante e reattiva negli allunghi

Insomma, è una moto che le mogli vorrebbero sicuramente provare ma che noi, sicuramente, non daremo loro mai le chiavi.



Bonneville Bobber Black

Salta subito all'occhio la bellissima sella monoposto integrata in uno stile custom autentico e con soluzioni ingegneristiche innovative ed eleganti. Linee aggressive e muscolose grazie alla ruota anteriore da 16 pollici con sezione larga e imponenti forcelle da 47 mm con finiture e dettagli in stile total black. Fari con tecnologia LED, ABS , frizione a coppia assistita, Cruise control, luci diurne DRL fanno della Bonneville Bobber Black una Bobber futuristica ma, dal sapore artigianale.

Saltiamo in sella della Bobber marchiata Triumph e la sensazione è che questa Bonneville alza l'asticella delle prestazioni della sua categoria con una guida entusiasmante, un eccellente impianto frenante coadiuvato dall'ABS di serie ed un motore da 1200cc che sprigiona una risposta di coppia, anche a bassissimi giri, grazie ad una potenza massima di 77 CV a 6.100 giri\min e alla coppia massima di 106 Nm a 4.000 giri\min.

La sella monoposto - scorrevole con braccio di supporto a sbalzo - fanno della Bobber Back una moto perfetta per i piloti di tutte le taglie. L'altezza di soli 688 mm, inoltre, garantisce una massima ergonomia e un baricentro basso per il massimo controllo.

Un sound e una guidabilità da vera hot rod sono garantiti, infine, dal motore bicilindrico parallelo High Torque da 1200cc con caratteristico intervallo di accensione a 270°.



Triumph Bonneville Thruxton: una bellissima sorpresa.

Tenetevi forte: con la nuova Thruxton è tornata una "vecchia" legenda.

Con il suo motore da 1200 cc questa Bonneville sportiva dal tipico stile modern classic di Triumph, ha un atteggiamento dominante e autentico con una potenza, una frenata e una maneggevolezza degni del loro nome (e passato) leggendario.

L'innovativa Thruxton riporta la Cafè Race alle sue origini, tradizionalmente ad alte prestazioni. Il motore bicilindrico parallelo Bonneville a 8 valvole da 1200cc sprigiona un incredibile coppia massima di 1.123 Nm a 4950 giri\min, ben il 60% in più di quella della generazione precedente. Con questo nuovo motore lavora un evoluto sistema di raffreddamento a liquido attentamente integrato per ridurre al minimo l'impatto visivo e per risparmiare carburante con conseguente diminuzione di emissioni.

Su Strada la Triumph Bonneville Thruxton è stata un'accattivante sorpresa, soprattutto dal punto di vista delle prestazioni pure. Più potenza, miglior tenuta di strada, maggior carattere esaltano il suo autentico DNA autentico da vera fuoriclasse sportiva, che combina il moder classic con un genuino stile Cafè Racer.