Flavio Manzoni si aggiudica il prestigioso premio mondiale di design del Compasso d'Oro

Flavio Manzoni si aggiudica il prestigioso premio mondiale di design del Compasso d'Oro
social media motori

La bandiera dei Quattro Mori sventola ancora una volta nella grande platea del "Compasso d'Oro" a Milano: Flavio Manzoni, l'architetto nuorese leader del Centro Stile Ferrari, si aggiudica per la seconda volta nella sua carriera il prestigioso premio mondiale del design, istituito nel 1954 su idea di Gio Ponti. Successo conquistato per la genialità artistica espressa con il meraviglioso prototipo Ferrari FXX K, un bolide da pista, fatto per le competizioni del programma Ferrari XX in tutti i circuiti del mondo. Una hypercar da corsa, la più prestazionale al mondo, la cui forma è stata curata anche da un punto di vista di design con una ricerca del dettaglio maniacale. Ma senza mai dimenticare lo scopo per cui è stata fatta, ovvero le competizioni. Insomma, creatività, originalità, tecnica e armonia ma anche "la grande artigianalità industriale capace di rispecchiare i valori della Ferrari e del made in Italy.

Flavio Manzoni si aggiudica il prestigioso premio mondiale di design del Compasso d Oro

E' un bis storico questo di Flavio Manzoni nel contesto del "Compasso d'Oro" giunto quest'anno alla 24ma edizione: il numero 1 del Centro Stile Ferrari, infatti, ha già in bella mostra nella sua bacheca il premio conquistato nel 2104 con il progetto della F12 berlinetta. L'architetto nuorese continua così a collezionare prestigiosi riconoscimenti internazionali: nell'anno di grazia 2016, infatti, con la Ferrari 488 GTB ha ottenuto il premio RED DOT Design Award "Best of the Best" nella categoria Product Design.

Dire che la Ferrari FXX K è stupenda, è quasi riduttivo: l'erede della FXX (così viene considerata) è un autentico capolavoro di stile e di meccanica, decisamente innovativa nel design e nelle soluzioni tecniche così numerose da richiedere un'intera antologia per essere descritte tutte nelle loro varie specificità. Nella sua carta d'identità è registrata la nascita, nel Reparto Progetti Speciali della Ferrari: e questo basta per intuire di che pasta è fatto questo bolide lungo quasi 5 metri (4,89), largo 2 (2,051) e alto appena un metro (1,116).
Un bolide che con il suo profilo estetico dà la sensazione di avere una certa familiarità con LaFerrari (erede della Ferrari Enzo). Ha la forza di 1.050 cavalli, erogati in gran parte (860) dal poderoso V12 di 6.262 cc e 190 dal motore elettrico, con oltre 900 Nm di coppia totale. C'è da dire che la lettera K sta ad indicare la tecnologia KERS (recupero dell'energia cinetica per ottenere la massima performance in pista).

Flavio Manzoni, dunque, regala altro lustro alla Sardegna. Nuorese, 51 anni, dal 12 gennaio 2010 è al timone del Centro Stile Ferrari, carica prestigiosa che spicca in una carriera straordinaria. Nel 1993 è già al vertice del Centro Stile Lancia (tre anni dopo responsabile del design degli interni); nel 1999 passa alla Seat (firma gli interni dell'Altea e della Léon, della concept car Salsa emocion e Tango); nel 2001 torna alla corte della Lancia (Granturismo, Stilnovo, Fulvia Coupé); nel 2006 passa al Group Volkswagen e quattro anni dopo entra nel regno Ferrari.
La prima auto di serie con la sua firma è la Ferrari FF. Con lui il "Cavallino rampante" brilla al Motor Show di Parigi con la roadster Ferrari SA Aperta, nel 2012 al Salone di Ginevra con la Ferrari F12 Berlinetta (erede della 599 GTB Fiorano, prima Ferrari sviluppata dal Centro Stile in collaborazione con Pininfarina), nel 2013 ecco LaFerrari (erede della Ferrari Enzo).
Nel 2014 altra data storica: ad Abu Dhabi, a dicembre, sale alla ribalta la FXX F, la Ferrari più potente mai costruita. Tra le meraviglie, poi, la F12 TDF (sigla che sta per Tour de France), un coupé due porte (solo 799 esemplari) che rappresenta un omaggio alla 250 GT berlinetta che vinse per quattro volte consecutive la famosa gara, a partire dal 1956. Un'altra auto da sogno: da 395.00 euro.