A bordo con Jack, il pilota automatico dell'avveniristica Audi A7 Piloted Driving

A bordo con Jack, il pilota automatico dell'avveniristica Audi A7 Piloted Driving
social media motori

Sta già per accadere: non subito, ma ben presto lo vedremo. Saliamo a bordo dell'auto, sprofondiamo sul sedile e un pilota invisibile lavora per noi: si mette in marcia, valuta se è il caso di effettuare sorpassi, preannuncia in tempo il cambio di corsia attivando gli indicatori di direzione, decide se accelerare o rallentare per agevolare il traffico quando arrivano altre auto. E' il fascino sottile della guida pilotata, autonoma: un traguardo prestigioso che l'Audi ha deciso di farci raggiungere con la avveniristica A7 Piloted Driving, battezzata per l'occasione JACK.

A bordo con Jack il pilota automatico dell avveniristica Audi A7 Piloted Driving

In pratica, un pilota ligio al dovere che non si stanca mai, non si distrae, non si annoia e prende sempre la decisione più giusta. Una "rivoluzione" tecnologica alla quale la Audi crede da lungo tempo ormai e che ha alimentato con una lunga serie di test: come quello spettacolare di ben 900 chilometri dalla Silicon Valley a Las Vegas. In Nevada e in Florida, negli Stati Uniti, l'Audi è stata la prima (e tuttora l'unica) Casa automobilistica ad effettuare test drive in condizioni reali, verificando più volte il potenziale delle tecnologie impiegate.

Una "rivoluzione" necessaria, un indispensabile passo verso il futuro che cambierà completamente il concetto di guida portando notevoli vantaggi su tutti i fronti. Secondo l'Audi, "la guida pilotata diminuirà gli sforzi alla guida, garantendo maggiore sicurezza nel traffico e risolvendo anche i problemi infrastrutturali. Gli ingorghi potrebbero diventare un problema del passato se si sincronizzassero i dati dei conducenti, garantendo un costante collegamento tra le auto con guida pilotata e l'ambiente circostante. E un traffico scorrevole significa anche minore impatto ambientale. Un risultato davvero vincente. Tutto questo mantenendo le sensazioni di libertà e di divertimento tipiche della guida sportiva. La guida pilotata, infatti, non sarà obbligatoria, ma selezionabile. Audi non potrebbe mai costruire automobili robot, e continuerà a mettere il conducente al centro delle sue decisioni".
Insomma, vivremo in un mondo dove le auto si guideranno da sole. Non resta che aspettare: anche perché l'attesa non sarà lunga.