Cinture di sicurezza

Le cinture di sicurezza trattengono i corpi degli occupanti la vettura, riducendo notevolmente i rischi derivanti dall’urto. In caso di incidente le cinture di sicurezza rappresentano uno dei principali meccanismi di protezione per chi si trova all’interno della vettura.

Le cinture hanno infatti la funzione di trattenere i corpi degli occupanti la vettura, impedendo che, per inerzia, vengano proiettati al di fuori della vettura e riducendo notevolmente i rischi derivanti dall’urto.

Per svolgere efficacemente la sua funzione, ovviamente, la cintura deve essere indossata correttamente: la parte di cintura addominale va tenuta bassa, sopra le ossa pelviche, mentre quella diagonale deve passare sopra la spalla e la cassa toracica.
È molto importante accertarsi che la cintura sia ben tesa e che non sia arrotolata su se stessa. In caso di una brusca frenata, il fatto di aver allacciato bene la cintura aiuta a proteggere delicati organi vitali. Se utilizzata in abbinamento all’airbag, la cintura di sicurezza consente di mantenere una posizione ancorata al sedile ottimizzando l’effetto protettivo del cuscino d’aria.

L’uso della cintura è obbligatorio (art. 172 C.d.S.) sulle autovetture di nuova immatricolazione, sugli autocarri e sugli autobus (solo il conducente). Sulle autovetture “vecchie” non dotate di cinture all’origine, ma in cui esistano gli “attacchi”, le cinture vanno installate ed utilizzate.
Solo specifiche ragioni mediche certificate possono fornire l’esonero dall’obbligo di utilizzo delle cinture.Anche le donne in gravidanza devono usare le cinture, a meno che non ci siano controindicazioni particolari (che vanno comunque attestate da un regolare certificato medico).

Le cinture di sicurezza possono essere di diversi tipi: subaddominale (passa sul corpo all’altezza del bacino), diagonale (passa diagonalmente davanti al torace, dalla spalla fino al fianco del lato opposto), a tre punti (formata da una cintura diagonale e da una subaddominale e fornita di tre punti di fissaggio), a bretella (costituita da una cintura subaddominale e da bretelle).

Le cinture devono comunque riportare il marchio di omologazione CEE. Questo è costituito da un rettangolo con la lettera “e” ed il numero dello Stato di omologazione (Italia = 3), il numero di omologazione e i simboli che specificano il tipo di cintura (A = a 3 punti; B = subaddominale; S = di tipo speciale) e dei dispositivi di cui è dotata.

Su alcuni autoveicoli è presente una spia luminosa rossa che indica il mancato allaccio della cintura di sicurezza da parte del conducente.
Ma anche senza spia… ricordatevi di allacciare le cinture di sicurezza!

 

01 giugno 2010
Diventa fan di Tiscali su Facebook
 
 
 
  

Segui Tiscali su:

MUTUI
ASSICURAZIONI
PRESTITI
 
Confronta più assicurazioni e risparmia
Marca auto
Assicurazioni on line by cercassicurazioni.it
MUTUI
ASSICURAZIONI
PRESTITI
 
Richiedi online il tuo mutuo e risparmia
Importo mutuo  Euro
mutui prima casa by
MutuiOnline.it
MUTUI
ASSICURAZIONI
PRESTITI
 
Richiedi online il tuo prestito e risparmi
Importo da finanziare   €
prestiti by
PrestitiOnline.it
Assicurazione.it

Prova Assicurazione.it

Confronta 18 compagnie e risparmia fino a 500€

Cerca le aziende e servizi della tua città

Sei a:
Cerca:
© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali