Kia: ecco l'Optima Sportwagon, c'è anche la grintosa GT

Kia: ecco l'Optima Sportwagon, c'è anche la grintosa GT
social media motori

Sale alla ribalta un'altra auto speciale destinata ad entrare nella storia per le sue particolari caratteristiche e per le tecnologie innovative. Sì, perché la Kia lancia la sua prima station wagon nel segmento D (auto medie), ossia la Optima Sportwagon ispirata a quell'intrigante concept SportSpace che ha destato grande meraviglia al Salone di Ginevra nel 2015. Una Sportwagon pratica e spaziosa che entra alla grande nel pianeta dei motori accompagnata da due superbe varianti: una è la sportiva GT, la Kia più potente lanciata sinora in Europa; l'altra è l'ibrida plug-in con un motore 2.0 Gdi aspirato da 156 cv abbinato all'elettrico sincrono da 68 cavalli, proposta con solo allestimento (44.000 euro) e cambio automatico a 6 marce.

Kia ecco l Optima Sportwagon c e anche la grintosa GT

Optima di nome e di fatto. La Sportwagon è una sorta di ambasciatrice con una valigia stracolma di credenziali in Europa: un modello strategico, di conquista, per la Casa coreana Kia che non finisce mai di stupire, prodiga di emozioni. Come quelle che promette la ruggente GT spinta da un motore turbo a benzina T-GDi da 245 cavalli esaltato dal cambio automatico sequenziale a 6 rapporti. Un autentico oggetto del desiderio (costa 45.000 euro), per gli amanti della guida sportiva.

"Abbiamo sempre desiderato produrre un'auto ad alte prestazioni", ha detto Giuseppe Bitti, amministratore delegato di Kia Italia, ""come questa per l'Europa. Avendo a disposizione un'ammiraglia come l'Optima, abbiamo potuto raggiungere questo obiettivo e realizzare una versione che soddisfa chi cerca l'emozione della guida sportiva abbinata alle doti di praticità, comfort e affidabilità, patrimonio di tutte le Kia".

Incanta con le sue forme la Sportwagon GT. Linea aggressiva da sportiva pura, minigonne, spoiler, grandi cerchi da 19 pollici (solo per l'Italia), estrattore posteriore con doppio terminale di scarico. Un bolide nel suo genere (1.998 cc, coppia di 353 Nm) in grado di raggiungere una velocità massima di 232 chilometri orari e di balzare da ferma a 100 orari in 7 secondi e 6. Consuma nel percorso combinato poco più di 8 litri di carburante nello spazio di cento chilometri.

Per l'esordio nel segmento D (due terzi in Europa sono wagon), la Kia cala l'asso della Sportwagon, auto dallo stile personale e alquanto sofisticato, dal profilo slanciato ed aerodinamico, con la raffinatezza della berlina. Non a caso le dimensioni sono le stesse della berlina Optima, per quanto riguarda la lunghezza (4,885 metri) e la larghezza (1,860): cambia solo l'altezza, ma minimamente (+5 millimetri) per via delle guide sul tetto.

E stesso frontale della berlina. Nel test su strada riservato alla stampa (Milano e dintorni) l'Optima Sportwagon ha collezionato una marea di consensi lungo il percorso di prova: tutti ad ammirare il frontale, la parte posteriore leggermente rastremata, la coda esaltata da gruppi ottici avvolgenti a LED, il paraurti che ospita il terminale di scarico ovale. Si fa bella la Sportwagon con i suoi colori (9 tonalità).

Lo spettacolo si replica nell'abitacolo all'insegna dell'alta qualità. Interni in colore nero per la Class (29.500 euro con Stop&Start), consolle centrale con finiture in nero lucido con modanature cromo. Plancia con sviluppo orizzontale (amplia la sensazione di spazio), tecnologie degne di un'auto di classe superiore: e alla stessa stregua della berlina, anche i materiali sono di qualità superiore con abbondanza di superfici soft-touch, tessuti e pelle in tinte naturali. Comodità a piene mani, anche nei sedili posteriori suddivisibili in tre parti (40:20:40).

Si viaggia benissimo a bordo della spaziosa Sportwagon, dotata di sospensioni elettroniche a 4 ruote indipendenti, di una scocca robusta e di tecnologie innovative per garantire la massima sicurezza (compresi 7 airbag). Recita bene la sua parte il motore diesel 1.7 CRDi (rinnovato: risposta ora migliore, meno rumorosità e consumi ridotti), con 141 cavalli, cambio manuale a 6 rapporti o automatico a doppia frizione (7 rapporti): 200 orari, accelerazione da 0 a 100 orari in 11 secondi. Consumo: in media 4,4 litri di gasolio. Spaziosa e capiente: 552 litri.

Si viaggia nella massima sicurezza, come ha dimostrato il test su strada. La Optima Sportwagon sfoggia i più sofisticati dispositivi elettronici, quelli del programma DRIVE WISE che comprende la tecnologia Kia sul fronte della sicurezza attiva e i nuovi sistemi di assistenza alla guida ADAS (Advanced Assistant Systems). Non solo: di serie c'è anche il VSM (Vehicle Stability Management) che garantisce la massima stabilità in frenata e in curva in sintonia con l'ESC (Electronic Stability Control) e il servosterzo elettrico.

La Sportwagon schiera tanti angeli custodi sul fronte della sicurezza. ASCC (controlla velocità di crociera e la distanza di sicurezza); AEB (frena automaticamente se c'è il rischio di collisione con auto o pedoni); LKS (tiene l'auto nella corsia si marcia, avverte il pilota se si supera la linea di carreggiata senza segnalare la manovra con gli indicatori di direzione); HBA (regolazione automatica dei proiettori); SLIF (indica i limiti di velocità nelle varie strade); BSD (segnala nello specchietto la presenza di un'auto nell'angolo morto della visuale posteriore); RCTA (segnala l'arrivo di un'auto quando si esce da un parcheggio a pettine).

Il sistema AEB è una primizia assoluta in Europa: oltre al radar di corta portata (City) ne ha anche uno a lungo portata (Urban) in grado di riconoscere gli ostacoli a maggiore distanza e a maggiore velocità rispetto ai sistemi tradizionali. Un solo esempio: può identificare un pedone anche se l'auto viaggia a 60 chilometri orari, riducendo così notevolmente i rischi di un investimento.

Si viaggia sicuri, comodi ma anche rilassati. E ben informati. Optima Sportwagon è fra le prime auto Kia dotate del software Android Auto TM siluppato per collegarsi ai cellulari Android 5.0 (Lollipop) e Apple CarPlay TM per iPhone 5: il primo integra il cellulare e dà accesso a tutte le applicazioni presenti (comprese quelle vocali, Google Maps, messaggi) senza dover distogliere lo sguardo dalla strada; con il secondo è disponibile il controllo vocale Siri per tutte le funzioni (incluse Apple Maps e dettatura di messaggi). E poi c'è l'ultima evoluzione del sistema AVN (Audio Visual Navigation) con schermi touchscreen da 7 pollici (oppure 8 con il navigatore integrato) e sistema radio digitale DAB+. E ancora: il sistema di ricarica wireless per cellulari e tablet alla base della consolle per ricaricare i device durante il viaggio senza cavi di collegamento. Questo e tanto altro: insomma, una Sportwagon davvero Optima. Su tutti i fronti.