Tiscali Motori
Articoli correlati

Prova Renault Koleos 2.0 dCi 150 cv 4×4

La proposta francese nel segmento crossover ha quattro ruote motrici a richiesta e vanta un buon comfort generale. I prezzi partono da 28.760 euro per l'allestimento Dynamique a due ruote motrici e da 30.760 euro per la versione 4×4.

Foto di Simon Palfrader

Koleos in greco antico significa guscio, protezione: un nome che racchiude l'idea di robustezza e solidità del progetto crossover secondo la Casa francese. Con un salto indietro nel tempo, non possiamo che ricordare come Renault abbia realizzato il primo crossover già nel 1961, con la R4, vettura economica dal punto di vista costruttivo, ma molto pratica e senza dubbio sorprendente, soprattutto per la sua capacità di adattarsi a ogni condizione d'uso. All'epoca non c'erano le quattro ruote motrici, la sicurezza attiva e passiva si basava su altri presupposti, eppure l'idea di crossover cominciava ad affiorare.

Renault Koleos condivide con l'antenata soltanto il logo, perché le epoche cui appartengono le due vetture sono ovviamente lontane anni luce. Koleos, infatti, è un progetto moderno: alta da terra, con le quattro ruote motrici, il cambio a sei marce e tutte le necessarie sofisticazioni, ormai obbligatorie. Ci sembra corretta l'idea di proporre una singola motorizzazione turbo da 2 litri di cilindrata a gasolio, attorno al quale gravitano le possibili opzioni, che prevedono potenze comprese tra 150 e 175 cavalli. Due potenze e altrettanti allestimenti degli interni, Dynamique e Luxe; due o quattro ruote motrici; cambio manuale a sei rapporti oppure automatico. La versione del nostro test è un riuscito incrocio di soluzioni, prestazioni e allestimenti: motore da 150 cavalli, quattro ruote motrici (non permanenti) e cambio manuale. Renault Koleos accoglie a bordo dando al guidatore una visuale della strada di almeno venti centimetri più alta rispetto alle normali auto. E più visibilità in molti casi significa maggior sicurezza. La posizione di guida è votata al comfort, caratteristica che accomuna tutta la produzione automobilistica Renault, e non lascia nulla al caso soprattutto quanto a spazio per la guida. Anche i passeggeri, meglio se solo due dietro, trovano sedili accoglienti e poco propensi a "sfondare", sia nella seduta sia nella parte dorsale. Segnaliamo la buona soluzione adottata per il carico nel bagagliaio: il portellone posteriore è diviso a metà e la parte inferiore, raggiunta la posizione orizzontale, diventa un ottimo piano ed è particolarmente utile per far scorrere i carichi più pesanti all'interno del bagagliaio.

La qualità dei materiali del cruscotto, della plancia e dei vari comandi è buona, ma non al punto da meritare la lode. Cosa ci vorrebbe in più, nel complesso e per quanto riguarda design e allestimento? Secondo noi qualche dettaglio grintoso: le due slitte di protezione del fondo aiutano, però ce ne vorrebbero altre nella parte bassa della carrozzeria, per dare un'immagine ancora più in linea con la vocazione crossover del modello.

Le prestazioni dichiarate, prima di passare alla guida: il motore da 150 cavalli è in grado di spingere gli oltre 1.700 kg della crossover Koleos a 182 km/h dichiarati e raggiungere i 100 km/h con partenza da fermo in 10,4 secondi.

Alla guida, la Koleos dimostra come il concetto di crossover, abbracci bene sia il mondo del fuoristrada leggero sia quello meno affascinante ma più concreto dell'uso quotidiano. L'auto non è affatto estrema nel suo approccio all'off-road eppure, nel momento in cui si desidera solcare la linea che separa l'asfalto dalla terra battuta, non è necessario farlo prestando eccessiva attenzione a ciò che ci circonda. L'unico pensiero è rivolto a preservare la carrozzeria e la sua vernice, magari metallizzata: a parte questo, il fatto di poter contare sulle quattro ruote motrici è un sicuro valore aggiunto.

I 150 cavalli della Crossover francese fanno bella figura quando a bassa velocità "artigliano" il terreno smosso, e immaginiamo l'effetto sulle strade innevate durante l'inverno. La risposta all'acceleratore è adeguata alla massa del veicolo, tanto che nelle partenze da fermo l'auto scatta decisa: il quattro cilindri sale rapido di giri e il cambio marcia è facilitato da innesti morbidi e diretti. Peccato che il motore tenda a rimanere accelerato piuttosto che scendere di giri, penalizzando un po' la guida più brillante. Azzeccati i rapporti del cambio, che grazie alal buona coppia del motore permettono di viaggiare a regimi molto bassi anche in sesta marcia. Anche il comfort è notevole, come si avverte già nei primi chilometri della prova: le sospensioni filtrano davvero tutto, ma dato che sono molto morbide innescano un sensibile rollio dell'auto in ingresso e in percorrenza di curva. L'auto, in sostanza, si "corica" su un lato e sull'altro, e in questo caso ciò avviene in modo particolarmente marcato, riducendo la precisione dello sterzo nelle manovre improvvise e nei cambi di direzione. Sarebbe opportuno, dunque, avere sospensioni un po' più rigide, rinunciando a una piccola quota di comfort ma ottenendo in cambio una miglior qualità della guida.

RED - Marco Selvetti
21 agosto 2012
Diventa fan di Tiscali su Facebook
 
 
 
  

Segui Tiscali su:

MUTUI
ASSICURAZIONI
PRESTITI
 
Confronta più assicurazioni e risparmia
Marca auto
Assicurazioni on line by cercassicurazioni.it
MUTUI
ASSICURAZIONI
PRESTITI
 
Richiedi online il tuo mutuo e risparmia
Importo mutuo  Euro
mutui prima casa by
MutuiOnline.it
MUTUI
ASSICURAZIONI
PRESTITI
 
Richiedi online il tuo prestito e risparmi
Importo da finanziare   €
prestiti by
PrestitiOnline.it

Cerca le aziende e servizi della tua città

Sei a:
Cerca:
Assicurazione.it

Prova Assicurazione.it

Confronta 18 compagnie e risparmia fino a 500€

© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali